Questo sito momentaneamente in fase di aggiornamento è il nostro catalogo on-line e gli acquisti possono essere effettuati solo presso la nostra sede in Via Ottaviano 32, Roma oppure in Via Orlando Ferrazza 52, Genzano

Assassin's Creed - Busto Ezio

PDFStampa
Busto raffigurante Ezio Auditore della saga Assassin's Creed.
Realizzato in PVC, misura circa 19x14x24cm.
Prodotto ufficiale © Ubisoft
Assassin's Creed - Busto Ezio - Prodotto Ufficiale Ubisoft
Prezzi incredibili!

Codice: ACBUSUBI0030
Descrizione

Ezio Auditore da Firenze (24 giugno 1459 - 30 novembre 1524) è stato un nobile fiorentino che divenne uno dei più grandi Mentori dell'Ordine degli Assassini.

Antenato di Clay KaczmarekWilliam e Desmond Miles[1][3], Ezio non era a conoscenza della sua eredità di Assassino fino a 17 anni, quando il padre e i due fratelli, Federico e Petruccio, vennero uccisi. Ezio fuggì da Firenze e si rifugiò a Villa Auditore, nel borgo di Monteriggioni.

Scoperta la sua eredità di famiglia dallo zio, Mario Auditore, Ezio iniziò il suo addestramento da Assassino e la sua ricerca di vendetta contro il Gran Maestro dell'Ordine dei TemplariRodrigo Borgia, che aveva ordinato l'esecuzione della famiglia. Durante la sua ricerca di vendetta, Ezio riuscì a recuperare le pagine del Codice di Altaïr per la prima volta da Domenico Auditore, e salvò le città di Firenze e Venezia dal controllo dei Templari. Riuscì inoltre ad assicurare il viaggio di Cristoforo Colombo verso il "Nuovo Mondo".[4] Dopo la morte dello zio per mano di Cesare Borgia, Ezio liberò Roma dal controllo dei Borgia, contribuendo a diffondere gli ideali del Rinascimento in tutta Italia.

Pochi anni dopo, Ezio trovò una lettera del padre riguardante una Biblioteca nascosta a Masyaf, in cui si trovava una fonte di saggezza inestimabile per gli Assassini. Arrivato alla fortezza, scoprì che era controllata dai Templari. Dopo essere fuggito, viaggiò verso Costantinopoli per recuperare le cinque Chiavinecessarie per aprire la Biblioteca.

In seguito si ritirò in una villa in Toscana assieme alla moglie Sofia Sartor e ai suoi due figli Flavia e Marcello. Morì a Firenze il 30 novembre 1524.

Per la corretta navigazione su Storia e Magia, sono necessari dei cookies. Privacy.

Navigando su questo sito accetto i cookies.